Soluzioni sovrumane in terra indiana

Soluzioni sovraumane in terra indiana

Relatrice: Grazia Marchianò

Una conversazione di Grazia Marchianò in occasione dell’uscita del 10° volume dell’opera Omnia di Elémire Zolla: Le tre vie, Marsilio 2019.

previous arrow
next arrow
Slider

In questo decimo titolo dell’Opera Omnia di Elémire Zolla, a cura di Grazia Marchianò, il grande studioso di filosofie e religioni di Oriente e Occidente e delle tradizioni indigene (1926-2002), tratteggia i cammini maggiori nei quali la sapienza indiana ha cementato le modalità di accesso a esperienze interiori di vetta nei tre sentieri, rispettivamente: jnana o della conoscenza non-duale nel solco dell’advaita Vedanta, bhakti o della devozione appassionata, e tantra o del trascinamento vigile, nelle correnti gnostiche dello Shivaismo kashmiro e del Buddhismo vajrayana. I capitoli sui legami tra il tantra, l’alchimia cinese e il combattimento meditativo monastico in Estremo Oriente completano un libro tra i più densi, impavidi e provocatori del lascito intellettuale zolliano, che Marchianò illustra anche in relazione al fenomeno spirituale dei ‘misteri’ in terra ellenica.

Grazia Marchianò dal 2012 porta alla luce i tratti profondi e illuminanti del pensiero di Elémire Zolla (1926-2002) nelle introduzioni ai testi dell’Opera Omnia pubblicata in esclusiva da Marsilio, Venezia. Formatasi in filosofia in Italia e all’Università Tagore in India, già professore ordinario di Estetica all’Università di Siena-Arezzo, Marchianò ha esplorato le gnosi indiane e dell’Asia orientale, iniziandosi al buddhismo esoterico Shingon in Giappone e al Kriya yoga nell’orma di Paramahansa Yogananda. Tra le molte opere anteriori al 2000, è tuttora circolante Sugli orienti del pensiero. La natura illuminata e la sua estetica (1994), nella collana di studi orientali da lei diretta al tempo da Rubbettino. Nel 2012 ha pubblicato da Marsilio la biografia intellettuale di Zolla, Il conoscitore di segreti. È in via di ristampa la raccolta dei suoi numerosi scritti in italiano e inglese, ed è in programma l’uscita nel 2020 di un’opera in cui la vitalità dei lasciti spirituali mondiali è vagliata alla luce delle sfide poste alla condizione umana dalle più avanzate ricerche scientifiche, le applicazioni dell’Intelligenza Artificiale e l’avvento della robotica. È consulente scientifico di “INCOGNITA. Advanced Creativity Mind School”, diretta da Gianluca Magi a Pesaro, dove il 23 giugno terrà il seminario “Umano, disumano, sovrumano, postumano”. Una borsa di ricerca in suo nome è bandita dall’Officina di Studi Medievali (OSM), Palermo, sul tema: ”I battistrada dell’incontro dei lasciti filosofici e spirituali di Occidente e Oriente nel corso del XX secolo”.