Pubblicati da LibreriaRotondi

La Libreria

La libreria Rotondi è stata riconosciuta “negozio storico” dal Comune di Roma nel 2004 ed è la più antica libreria della città e forse d’Italia specializzata in Oriente, esoterismo, filosofie e religioni. Offre inoltre un’ampia selezione di volumi rari, pregiati, antichi, e testi introvabili di tutti gli argomenti, contraddistinti dal comune denominatore dell’alta qualità. Deve […]

Aldo Dante

I giorni successivi furono dedicati alla riflessione e alla analisi dei futuri contingenti. Avevo sempre amato lo studio, i libri e la lettura, ma poi le necessità pratiche e materiali della vita mi avevano spinto ad accantonare quelle passioni nell’angolo del sempre esiguo tempo libero. E ora avevo la possibilità di guidare la libreria fondata […]

Conversazioni di carattere spirituale

Negli anni ’80 Amedeo Rotondi tenne numerose conferenze che egli amava definire “conversazioni di carattere spirituale”, che stiamo via via digitalizzando e rendendo disponibili a tutti. Nonostante l’audio sia in qualche caso modesto, trattandosi di vecchie registrazioni su audiocassetta, rimane però intatta la freschezza del parlato da cui emerge la grande capacità di comunicazione e la semplicità della forma, nella profondità del contenuto, che ha sempre contraddistinto Amedeo.

Sulla scia

In occasione della presentazione della nuova edizione del volume “L’arte del silenzio e l’uso della parola” è stato ricordato l’autore Amedeo Rotondi, noto anche come Vico di Varo e Amadeus Voldben, scrittore, pensatore, studioso di tematiche spirituali ed esoteriche, libraio, editore. (1908-1999).

La vita

Amadeus Voldben e Vico di Varo. Sono questi i nomi attraverso i quali è conosciuto Amedeo Rotondi (1908-1999), scrittore e fondatore della
Libreria Rotondi.

Le opere

Amedeo Rotondi è autore, tra il 1962 e il 1997, di ventidue titoli pubblicati presso diverse case editrici (Mediterranee, Astrolabio, Sugarco, S.A.S.), più volte ristampati e tradotti in varie lingue, tra cui i primi sei editi in proprio.
Nel periodo tra il 2003 e il 2008 vedono la luce quattro opere postume alle quali l’autore aveva lavorato negli ultimi anni di vita e che era riuscito a completare ma non a pubblicare.

Messaggero 12-07-2018

Quando è nata è stata da subito avvolta dalla sacralità. Scelta precisa quella di creare via Merulana non solo per unire due rioni l’Esquilino e Monti – ma soprattutto per collegare la Basilica di Santa Maria Maggiore a quella di San Giovanni in Laterano. Ci pensò Papa Gregorio XIII e il progetto fu poi ultimato da Sisto V. Oggi, circondata dai platani. mantiene una compostezza – quasi fierezza – a tratti decadente. La strada resta avvolta dal mistero, non a caso al civico 219, in quel palazzo che i più conoscono come “Palazzo degli ori”, Carlo Emilio Gadda ambientò quel romanzo-noir entrato di diritto tra i capostipiti della letteratura
novecentesca (Quel pastccìaccìo brutto di via Merulana).

Estratto da «LA CIVILTÀ CATTOLICA»

Lo Zend-Avesta, l’opera «che racchiude la saggezza millenaria dell’antica Persia », contiene fra l’altro sei « regole per il governo della parola », La meditazione di esse ha ispirato all’A. questo libro. L’influsso di tale ispirazione si estende non solo al contenuto, ma anche alla struttura esterna del volume. I primi due capitoli, dedicati al « dono della parola» e al « controllo della lingua », non sono che una vasta premessa introduttiva al commento delle sei regole, svolto dall’A. in altrettanti capitoli, che preparano il lettore alle riflessioni finali sul «saper tacere o la vera arte del silenzio» e sulle conquiste interiori attuabili «oltre il silenzio ».