Sguardi su Oriente ed Occidente: India. I quattro scopi della vita. A che cosa (ci) servono?

Sguardi su Oriente ed Occidente:

India. I quattro scopi della vita, a cosa (ci) servono?

Relatore: Gianluca Magi

Un uomo sognato da Shakespeare affermò che siamo fatti della stessa materia dei sogni; per le filosofie indiane della Liberazione non è un’interiezione dello smarrimento o una metafora; è la diretta enunciazione di una verità esatta.

previous arrow
next arrow
Slider

Lo è a tal punto che, illuminato, Siddhartha Gautama si disse «Buddha», «il Risvegliato». Sino a tal conseguimento l’uomo trascorre la vita sopito nel sogno della veglia, strattonato di qua e di là dalla brama sessuale (kāma), sempre al centro di ogni fare, barcamenandosi nell’adempimento dei doveri etico-religiosi (dharma) che la società gli addossa o trafficando per imporre il proprio interesse (artha). Tre attività, beninteso, utili per la continuazione della specie tanto che il pensiero tradizionale hindu accoda a ciascuna una sterminata letteratura. Ma l’uomo che ne comprende le loro qualità seduttive, ambisce svincolarsene, così come ci si disfa da un sogno o come ci si distrae da circostanze che distraggono, mirando alla Liberazione (mokşa). 

Gianluca Magi ha insegnato Storia delle religioni e delle filosofie indiane all’università di Urbino. Ha curato le Voci di filosofia indiana nell’Enciclopedia filosofica, 12 voll., promossa dal Centro Studi Filosofici di Gallarate ed edita da Bompiani nel 2006 (poi dal Corriere della Sera nel 2011). È autore di bestseller e la sua opera è tradotta in 33 Paesi. Ha fondato a Pesaro «INCOGNITA. Advanced Creativity», laboratorio d’eccellenza transdisciplinare, che dirige con Franco Battiato. Dal 2012 lascia l’insegnamento universitario per dedicarsi al Gioco dell’Eroe, un grande progetto di percorso evolutivo che sta diffondendo in tutta Italia.

Sguardi su Oriente e Occidente”è un ciclo di incontri promosso dalla storica Libreria Rotondi di via Merulana per favorire il dialogo tra Oriente e Occidente con l’aiuto e la testimonianza di alcuni tra i più stimolanti protagonisti del mondo accademico e culturale italiano. L’intento è quello di portare a conoscenza di un vasto pubblico attraverso la letteratura, la filosofia e la religione, peculiarità caratterizzanti le grandi culture che hanno segnato la storia dell’umanità. La conoscenza reciproca è il principale antidoto contro ogni intolleranza ed il confronto rappresenta l’opportunità di superare diffidenze ed incomprensioni, attivando un canale di dialogo tra culture e saperi solo apparentemente distanti.