Baron Knigge e la Germania segreta

Baron Knigge e la Germania Segreta

Relatore: Marino Freschi
Introduce: Bernardino Fioravanti (Bibliotecario del Grande Oriente d’Italia)

Adolph Baron von Knigge (1752-1796) è un personaggio quasi ignorato in Italia. In Germania per una strana combinazione del destino è ancora famoso: dire “Knigge”, infatti, equivale al nostro “galateo”, poiché chi meglio di un barone poteva scrivere un libro di “buone maniere”?

previous arrow
next arrow
Slider

In realtà il Barone era molto di più: è stato scrittore di romanzi non mediocri, di drammi invece mediocri, di saggi più o meno esoterici. A suo tempo fu famoso come uno dei protagonisti della “Germania Segreta”: era attivamente presente in ogni società segreta, loggia, ordine, associazione e combriccola massonica, rosacruciana, illuminata. Era un autentico ricercatore, che alla fine della sua non lunga esistenza intravide nei bagliori della Rivoluzione Francese quella luce che aveva tanto cercato.

Marino Freschi: Marino Freschi, germanista triestino, si è formato a Roma (dove vive), a Zurigo con Emil Staiger, a Berlino con Peter Szondi e Wilhelm Emrich. Ha insegnato all’Università l’Orientale di Napoli, all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e, dal 1990 a Roma Tre. Dal 2015 è Professore Emerito di Letteratura Tedesca, Università degli Studi di Roma Tre. Autore di numerosi volumi e saggi. Tra i suoi libri più recenti: Goethe massone, Le luci del Settecento e BaronKnigge: dall’occultismo alla politica, tutti editi da Bonanno/Tipheret. Dirige la rivista «Cultura Tedesca».